expand/collapse risk warning

I CFD comportano un elevato rischio di rapida perdita di capitale a causa della leva finanziaria. Il 71% degli account perde denaro nel trading di CFD con questo provider. Comprendi i CFD e valuta il tuo rischio.

I CFD sono strumenti complessi e comportano un alto rischio di rapida perdita di denaro a causa della leva. Il 71% degli account di investitori al dettaglio perde denaro quando effettua trading di CFD con questo fornitore. Dovresti prima valutare se comprendi il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di correre l'elevato rischio di perdere i tuoi fondi.

Il 71% degli investitori al dettaglio perde denaro facendo trading di CFD con questo fornitore.

Termini trading

Costi variabili: significato, calcolo


                Costi variabili: documento che mostra come calcolare i costi variabili

Nella finanza e nel trading, comprendere i costi è essenziale per il successo. Tra questi, i costi variabili si distinguono come un fattore chiave che può influenzare il processo decisionale di un trader. Questo articolo esamina i costi variabili, le loro varie tipologie, come possono essere calcolati e perché sono importanti per i trader.

Prova la pluripremiata piattaforma di Skilling
Prova una qualsiasi delle piattaforme di trading di Skilling sul dispositivo di tua scelta su Web, Android o iOS.
Iscrizione

Cosa sono i costi variabili?

I costi variabili sono spese che cambiano in proporzione all’attività di un’impresa. Nel trading, questi sono costi che fluttuano con il volume degli scambi. A differenza dei costi fissi, che rimangono costanti indipendentemente dalla produzione, i costi variabili variano con il livello di produzione o di attività commerciale.

Per i trader, i costi variabili possono includere spese di transazione, commissioni e il costo dei beni venduti (COGS) se sono coinvolti nel commercio di materie prime. Questi costi sono direttamente legati al livello di attività di negoziazione; più operazioni esegui, maggiori saranno i costi variabili.

Tipologie di costi variabili nel trading

I costi variabili nel trading possono essere classificati in diversi tipi:

  1. Commissioni di transazione: Si tratta di spese imposte da un intermediario per la gestione dell'acquisto o della vendita di titoli. Possono variare a seconda del tipo e della dimensione della transazione.
  2. Commissioni: Molti broker guadagnano il loro mantenimento attraverso le commissioni, che sono commissioni pagate a un broker per l'esecuzione di un'operazione, in base al numero di azioni, obbligazioni o contratti negoziati.
  3. Costi di spread: Lo spread è la differenza tra il prezzo denaro e quello richiesto di un titolo. I trader attivi devono superare lo spread per entrare in una posizione redditizia.
  4. Slippage: Si riferisce alla differenza tra il prezzo atteso di un'operazione e il prezzo al quale l'operazione viene eseguita. Lo slippage si verifica spesso durante i periodi di maggiore volatilità.
  5. Spese per interessi: Per i trader che prendono in prestito capitale per fare trading, le spese per interessi possono essere considerate un costo variabile poiché aumenteranno con l'importo del denaro preso in prestito.

Come calcolare i costi variabili

Calcolare i costi variabili è semplice: somma tutti i costi che variano con l’attività di trading. Ad esempio, se un trader paga una commissione di 1$ per operazione ed esegue 100 operazioni, il costo totale della commissione sarà di 100$.

Ecco una semplice formula per calcolare i costi variabili (VC):

VC = Quantità di scambi (Q) × Costo variabile per scambio (VCT)

Se un trader ha costi variabili aggiuntivi, come slippage e spese per interessi, questi dovrebbero essere aggiunti ai costi di commissione per ottenere i costi variabili totali.

Perché sono importanti per i trader

Comprendere e gestire i costi variabili è vitale per i trader per diversi motivi:

  1. Redditività: I costi variabili influiscono direttamente sulla redditività di un trader. Più alti sono i costi variabili, minore è l’utile netto derivante dalle attività di trading.
  2. Strategia di prezzo: Per i trader di materie prime, comprendere i costi variabili è essenziale per stabilire il giusto prezzo per le merci. Garantisce che il prezzo copra tutti i costi e includa un margine di profitto.
  3. Controllo dei costi: Monitorando i costi variabili, i trader possono identificare le aree in cui possono ridurre le spese, come negoziare tassi di commissione più bassi o scegliere una piattaforma di trading più conveniente.
  4. Analisi di pareggio: I trader possono utilizzare i costi variabili nell'analisi di pareggio per determinare il numero di operazioni o volumi che devono raggiungere per coprire tutti i costi.
  5. Gestione del rischio: Conoscere i costi variabili aiuta i trader a gestire il rischio impostando ordini stop-loss e obiettivi di profitto più accurati.
Qual è il tuo stile di trading?
Indipendentemente dal campo di gioco, conoscere il proprio stile è il primo passo verso il successo.
Fai il quiz

I costi variabili sono un aspetto significativo del trading che può avere un impatto sui profitti di un trader. Comprendendo i tipi di costi variabili, come calcolarli e la loro importanza, i trader possono prendere decisioni più informate, controllare i costi e migliorare il loro ritorno sull'investimento. Come per qualsiasi aspetto del trading, un’analisi e una gestione diligente dei costi variabili possono portare a una strategia di trading e a risultati finanziari di maggior successo.

Le performance passate non garantiscono né prevedono performance future. Questo articolo è offerto a scopo informativo generale e non costituisce un consiglio di investimento. Tieni presente che attualmente Skilling offre solo CFDs.

Prova la pluripremiata piattaforma di Skilling
Prova una qualsiasi delle piattaforme di trading di Skilling sul dispositivo di tua scelta su Web, Android o iOS.
Iscrizione
Qual è il tuo stile di trading?
Indipendentemente dal campo di gioco, conoscere il proprio stile è il primo passo verso il successo.
Fai il quiz